Archivi tag: macbook

MacBook Air – Eee pc

Fermento in rete per la presentazione del MacBook Air al keynote di ieri!

Reazioni diverse e nette, come è lecito aspettarsi da ogni nuovo prodotto della mela. Ne scrivo perchè il piccolino di Cupertino (dehihiho) viene giustamente messo in relazione con l’altro piccolino, quello per cui io aspetto la cicogna espressa dal 21 gennaio in poi..

E in effetti i due qualcosa in comune ce l’hanno:

  • lo schermo più piccolo dell’ormai standard 15,4″ sui notebook
  • il peso inferiore al kilo e mezzo
  • assenza di unità ottiche
  • la possibilità di installare windows, ma un altro sistema operativo come predefinito (di cui quindi si incoraggia l’uso)

Ma a mio modo di vedere le differenze sono più significative delle somiglianze. E non necessariamente sono unilaterali nel giudizio.

Innanzitutto, il prezzo: il MacBook Air in versione base, che di aberrante ha il disco PATA 4200 da 80 GB e lo speaker inspiegabilmente mono, costa 1800$; Eee, nella versione italiana 4G che ho acquistato, 300€. Se si volesse correggere almeno la bruttura più evidente del MacBook passando ad un disco SSD da 64 GB bisogna arrivare a sborsare intorno ai 3000$. Ma anche no, dai!

Il processore: MacBook Air ha un Intel core 2 duo più piccolo del normale, il che ne pregiudica la frequenza di clock, ma a mio giudizio questo non è un demerito. La corsa al clock è finita da anni, piuttosto io bramo cache di primo e secondo livello maggiori.. Eee ha un processore abbastanza datato, oltretutto venduto come 900MHz e forzato da bios a 650MHz. Per carità, i 900MHz te li dà se vuoi.. ma non mi piace questa politica: se compro un processore e voglio overclockarlo sono affari miei, ma perchè dovrei overclockare qualcosa per farlo arrivare al valore nominale per cui mi è stato venduto?

La connettività: MacBook Air ha una vocazione wireless spiccatissima, direi anche totalmente dominante (alcuni rumors lo volevano addirittura senza batteria, auto alimentato via wifi.. ahahah magari!). Ha una sola porta usb, un’uscita per le cuffie di tipo mini e una porta mini-DVI per la quale sono forniti come accessori gli adattatori per mandare l’output video su monitor e proiettori standard. La prima cosa che viene in mente è: “ma quindi se ci collego un mouse ho finito di collegare roba?”. In realtà il trackpad multitouch dovrebbe diminuire l’esigenza di un mouse esterno in quanto permette di zoomare e navigare avanti e indietro (ricorda molto le mouse gestures di Opera) senza aver bisogno di una rotellina per non impazzire con combinazi0ni di tasti. Ovviamente si può usare un hub usb in caso di necessità, ma penso che la vocazione di questo portatile spinga il possessore a dotarsi di periferiche senza fili, siano esse stampanti, cuffie, mouse eccetera ( è dotato di bluetooth, per cui non serve che le periferiche supportino WiFi ). Il protocollo wireless supportato è quello che sta diventando sempre di più uno standard de facto -in quanto ufficialmente rimane una bozza- l’802.11n, che dovrebbe fornire una banda effettiva di 100Mbps (E qui in effetti viene da chiedere a Jobs perchè si dovrebbero spendere altri dindini per comprare Time Capsule, l’hard disk per backup senza fili, quando ci si metteranno anni a fare un backup con quella velocità.. almeno la porta usb ha i suoi 480Mbps, magari poteva essere una usb 3.0 a questo punto.. tirchio!). Eee pc ha tre porte usb 2.0, la classica coppia cuffie/microfono e la porta vga per collegare schermo e proiettore del caso: una dotazione piuttosto normale, che basterà alla maggior parte degli utenti. Inoltre disponde di una scheda wireless fino a 54Mbps, quindi 802.11b/g. Vorrei commentare anche il fatto che sia MacBook Air sia Eee non abbiano unità ottiche (Apple ne vende una esterna per MacBook Air a 99 dollari). Per me è chiaro che in futuro i supporti ottici saranno usati per lo più, se non esclusivamente, per i contenuti in alta definizione destinati all’home theatre. Chi compra un portatile del genere dovrebbe essere in grado di fare a meno del lettore cd/dvd almeno quando è fuori casa. In caso di necessità di installare software da unità ottica, il sistema proposto da Apple e presentato come 3 facili passi non è proprio il massimo della vita.. ma del resto è l’unico se si parte da un cd/dvd. Meglio sarebbe se il software fosse distribuito anche su supporti più moderni come i flash drive, o fosse sempre disponibile in rete (e anche la rete fosse sempre disponibile, eheheh).

Altre note:

La batteria del MacBook Air dovrebbe durare la bellezza di 5 ore nonostante l’uso della rete wireless, notevole. Magari le batterie accessorie di Eee costassero poco e tenessero così tanto.

Un dubbio che nessuno pare essersi posto è quello sulla dissipazione del calore: MacBook Air ha lo chassis in alluminio, tra l’altro viene presentato come ecologico e riciclabile, ed è così sottile.. Che cosa avranno usato per il raffreddamento? Non vorrei che diventasse una padella o, data la forma, una bistecchiera..

In ogni caso, anche se non lo comprerei mai per quella cifra, sono incuriosito da questo prodotto e sicuramente vorrei provarlo e smanettarci a lungo. Di seguito riporto i link agli articoli che ho letto e che mi hanno dato qualche spunto di riflessione. Se qualcuno se lo stesse chiedendo.. No, non sono pentito di aver preso Eee pc alla luce di quanto visto in MacBook Air.

http://attivissimo.blogspot.com/2008/01/apple-macbook-air-sexy-anoressico-poco.html

http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2160959

http://www.hwupgrade.it/articoli/apple/1880/apple-nell-aria-del-macworld-c-e-macbook-air_index.html