Archivi tag: internet

Polinux, conferenza e script wireless

Ieri c’è stata la conferenza su Polinux. E’ stata un discreto successo di pubblico, intorno alle cento presenze, tanto che abbiamo dovuto masterizzare altri dvd sul momento per soddisfare la richiesta!
Alcune persone hanno richiesto di utilizzare il mio scriptino per configurare il wifi del Poli su altre distro.
Ieri se n’è parlato davanti ad una birra e pensiamo che renderemo disponibile lo script in forma di .deb e .rpm, oltre che come sorgenti. Stay Tuned!!

Presto il link alla pagina con le foto della conferenza 😉

Annunci

Conferenza Polinux

Sono ancora vivo, se qualcuno se lo stesse chiedendo 🙂

Segnalo che Giovedì 19 Marzo a, presso l’aula I.1.2 del Politecnico di Milano (sede di piazza Leonardo) c’è una conferenza organizzata dal POuL sulla nuova distribuzione GNU/Linux pensata soprattutto per gli studenti del Polimi.

Io terrò un talk sullo script che ho scritto recentemente per aiutare e velocizzare la configurazione, non vi aspettate niente di troppo tecnico. facile invece che mi lasci andare a cialtronerie e battutacce varie 😀

Studenti del Poli cercate di esserci, soprattutto i non informatici che possono iniziare a conoscere Linux ed aiutarci a rendere questa ennesima distribuzione qualcosa di davvero utile!

Per maggiori informazioni, www.poul.org

UMTS su Eee pc

Come promesso, ecco un post relativo all’utilizzo di un cellulare come modem UMTS per collegarsi in mobilità con Eee pc.

Questa breve guida si riferisce ovviamente alla mia configurazione, e non è detto che funzioni in generale. Se avete un modello diverso di telefonino, o un altro operatore, googlate!

Il mio cellulare è un LG U310, con scheda H3G e tariffa internet “Naviga 3”.

In questo momento sto utilizzando il telefono per collegarmi ad internet e scrivere questo post, vediamo come..

E’ necessario un adattatore bluetooth, poichè al momento non sono riuscito a fare andare la connessione con il cavo usb del telefonino. Sospetto tra l’altro che con il kernel che utilizzo (vedere post precedente) non siano inclusi i driver per quel tipo di cavo.

Il software utilizzato da me, che dovreste installare, è reperibile con il solito:

sudo pacman -Sy wvdial gnome-ppp ppp

e poi:

sudo mknod /dev/ppp c 108 0 

Se avete seguito la guida sull’utilizzo di bluetooth che ho scritto un po’ di tempo fa, dovete fare solo piccole modifiche. Altrimenti seguitela… passate dal via senza ritirare i 20 eurazzi e poi tornate qui!

Prima di tutto editare il file /etc/rc.d/bluetooth come root e modificare questa riga come di seguito:

RFCOMM_ENABLE=”true”

Attivate la modalità che permette di usare il telefonino come modem bluetooth. Per il mio modello: menù Connettività, Rete Accesso, Bluetooth.

Da terminale, digitate:

hcitool scan

In questo modo avrete l’indirizzo del cellulare. Ora digitando (senza <>):

sdptool browse <indirizzo>

è possibile cercare nell’outuput il servizio DUN ed il relativo canale.

Adesso create o modificate come root il file /etc/bluetooth/rfcomm.conf

rfcomm0 {
bind yes;
# Indirizzo Bluetooth del cellulare
device <indirizzo> ;
# canale RFCOMM per la connessione
channel <canale>;
# Commento a piacere
comment “grazie saten, sei proprio un figo ;-)”;
}

Adesso, un bel riavvio del servizio bluetooth, o di tutto il sistema per i nostalgici di windows, e avviate come root gnome-ppp:

gksu gnome-ppp

Configurate gnome-ppp come segue:

2008-03-08-155151_800x480_scrot.png

2008-03-08-153414_800x480_scrot.png

2008-03-08-153425_800x480_scrot.png

Se tutto è andato per il verso giusto, utilizzando come numero di telefono *99# e cliccando connect dovreste essere connessi ad Internet!

La procedura purtroppo non è il massimo della linearità, me ne rendo conto.. ma è l’unica. In alternativa..comprate l’Eee pc della Tim con offerta inclusa e non dovrete alzare un dito 😛

AGGIORNAMENTO: con il kernel predefinito di Arch Linux funziona anche la connessione tramite cavo (quindi senza bluetooth). Serve un modulo del kernel relativo al cavetto “cdc_acm”, non incluso nel kernel di toofishes, al quale chiederò di effettuare l’inclusione.