Arch Linux su Eee pc – Driver, Ventola, Temperatura e Overclocking

 Molte persone giungono qui cercando informazioni su come leggere la temperatura del processore, installare compiz-fusion, far andare bluetooth, la videocamera.. e cercherò di scrivere qualcosa per ognuno di questi argomenti, anche se invito tutti a leggere i forum su Eee pc sul sito eeeuser.com e archlinux.org, che rimangono la fonte principale di informazioni anche per me.

Oggi voglio fare un minimo di punto della situazione per quanto riguarda Arch Linux ed Eee pc, elencando e spiegando brevemente quali sono i software che la comunità di Arch ha messo a disposizione e cosa fanno.

Brevissima premessa sul metodo di installazione: io considero più pulito il sistema di installazione che prevede l’uso del cd di installazione base da chiavetta usb, con l’aggiunta del pacchetto dei driver  specifici per Eee pc che si trovano qui. In questo modo si deve solo preoccuparsi di avere i driver a portata di mano dopo l’installazione, senza dover usare immagini disco o ricompilare alcunchè.

Detto questo, procedo.

Una volta installato il sistema di base, seguendo le istruzioni che si trovano qui (forse un giorno le tradurrò in italiano nei punti salienti), si installano i driver con il comando:

 pacman -U eeemodules-0.0.1-2-i686.pkg.tar.gz (ovviamente il numero di versione può cambiare)

A questo punto si può installare il pacchetto che fornisce le funzionalità dei tasti rapidi (quelli del tipo Fn+F1,F2 per intenderci).  Il pacchetto è disponibile sulla stessa pagina dei driver, qui.

pacman -U acpid_eee-0.0.1-1-i686.pkg.tar.gz

Per installare il pacchetto che fornisce la possibilità di overclockare è sufficiente scaricare ed installare il software da qui oppure da AUR.

Per far sì che tutto funzioni ci si deve assicurare di avere questi moduli e questi demoni caricati all’avvio:

da /etc/rc.conf

MODULES=(asus_acpi snd-hda-intel atl2 eee)

DAEMONS=(… acpid …) 

Se tutto va per il verso giusto sarà possibile leggere il valore della temperatura e cambiare lo stato di webcam, lettore sd/mmc, webcam eccetera modificando i file in queste cartelle:

/proc/acpi/asus/ 

/proc/acpi/

Se quello che si vuole è semplicemente tenere sott’occhio la temperatura di Eee pc è sufficiente installare e configurare un minimo gkrellm :

pacman -Sy gkrellm

Io, ad esempio, uso saltuariamente gkrellm per vedere quanto e come il sistema accede al disco e a che velocità.

Per l’overclok bisogna innanzitutto assicurarsi di farlo in un momento in cui il sistema operativo non sia impegnato con operazioni importanti, come copia di file, download ecc.. perchè potrebbero interrompersi.

I comandi per portare la frequenza a 900MHz sono semplicemente questi, e vanno dati come utente root:

modprobe eee

echo 85 24 1 > /proc/eee/fsb

sleep 5

echo 100 24 1 > /proc/eee/fsb

Si può anche diminuire la frequenza della ventola con questi comandi (sempre da root)

echo 1 > /proc/eee/fan_manual

echo [frequenza in percentuale 0-100] > /proc/eee/fan_speed

Occhio a non bruciare il processore spegnendo del tutto la ventola quando lo avete overclockato.. ci metterebbe un bel po’ ma non è certo impossibile, anche se non ho notizie di qualcuno a cui sia effettivamente capitato.

Annunci

Real Player su Eee pc

Oggi è capitato di guardare dei file in formato “rm”, il formato proprietario del celebre programma RealPlayer.

Premetto che per me quel formato può benissimo andare in pensione.. ma c’è chi si ostina ad usarlo ed è abbastanza rognoso da convertire in qualcosa di più gestibile.. per cui diciamo che tocca tenerselo e vediamo cosa serve per guardare i file in questo formato.

RealPlayer distribuisce una versione per GNU/Linux del suo software, basata su HelixPlayer, che si trova in Arch Linux nel pacchetto realplayer, disponibile in AUR.

AUR è il contenitore di tutti i pacchetti che non sono contenuti nelle sezioni “ufficiali” di Arch Linux, come “core”, “extra” e “community”. Per installare un pacchetto da AUR ci sono vari modi, ne scriverò prossimamente.

Per RealPlayer vale la pena glissare perchè esiste un comodo installer grafico, scaricabile da qui.

Non dovrebbero esserci problemi nell’installarlo, anche perchè un utente Arch Linux si fa presto le ossa.. ma nel caso cliccando il file scaricato sopra non accada nulla, molto probabilmente bisogna rendere il file eseguibile. Tasto destro sul file, proprietà, permetti l’esecuzione.

Nemmeno un comando da terminale, visto? 😛

Eee pc e la riproduzione di video

Oggi tratto la questione della riproduzione video su Eee pc scendendo nel dettaglio, visto che molti visitatori di questo blog giungono qui cercando qualcosa di simile ( a parte un tizio che oggi è arrivato qui cercando “donne in saten” – ma lui lasciamolo perdere! ).

Quanto scrivo vale su Arch Linux come su Xandros, perchè presuppone soltanto che si utilizzi SMplayer, un frontend grafico per Mplayer che offre un’interfaccia che io trovo semplice e funzionale.

Su Xandros è preinstallata, su Arch Linux si installa semplicemente con il comando

pacman -Sy smplayer

Veniamo al dunque: come configurare smplayer in modo da ottenerne la massima qualità/fluidità nel riprodurre filmati su Eee pc.

Preferenze generali

 Preferenze generale - Video Audio

Preferenze Prestazioni

 

 Notare che l’impostazione relativa alla sincronizzazione di audio video non può essere maggiore di 100, anche se smplayer permette di impostarla anche a 1000 (ho controllato il manuale di mplayer a riguardo, comunque con 100 si ottiene la sincronizzazione migliore).

Per attivare la riproduzione a tutto schermo basta premere il tasto F, con i tasti W e E è possibile zoomare per adattare il filmato alla dimensione dello schermo.

Sulla guida di mplayer c’è anche un consiglio per chi dovesse avere problemi legati alla poca memoria disponibile (a me è capitato poche volte prima dell’upgrade ad un gigabyte di ram): inserite nel file /etc/X11/xorg.conf questa riga:

  Option “LinearAlloc” “6144”  

 

Estratto del mio xorg.conf:

  Driver “intel”# “i810”
Option “LinearAlloc” “6144” #mplayer option
VendorName “Intel Corporation”
BoardName “Mobile 915GM/GMS/910GML Express Graphics Controller”
BusID “PCI:0:2:0”

Assegnare / cambiare il nome di una partizione (etichetta)

Oggi ho giocato molto con le mie memorie esterne, comprese quelle dei vari telefonini che ho per casa, ed ho riscontrato la necessità di fare un po’ di ordine nel modo in cui esse vengono viste e gestite da linux.

In particolare, mi sono reso conto che diventa semplice confondersi tra una partizione ed un’altra quando le si identifica montandole a mano da terminale, perchè ci si lascia ingannare dal nome del dispositivo /dev/sd[x] che magari quell’unità aveva prima di riavviare..ma nel frattempo era stata collegata un’altra pennetta.. e tac.. partizione formattata per sbaglio, sudori freddi e recupero dati condito di bestemmie varie… mai visto questo film? Per non parlare poi di cosa succede quando i nomi dei dispositivi cambiano dopo un riavvio per aggiunta di una pennetta e il vostro bel /etc/fstab comincia a montare le partizioni sbagliate al posto sbagliato.. orrore e raccapriccio!

Ma adesso svegliatevi, l’incubo è finito..

Se anche voi amate il vostro demone hal che vi monta le partizioni cliccandoci sopra stile windows da risorse del computer, saprete che hal monta tutto in /media creando una sottocartella che ha il nome dell’etichetta o del nome, che dir si voglia, della partizione montata. Si pone quindi il problema di come si cambiano/assegnano i nomi alle partizioni.

A digiuno a riguardo, pensavo di poterlo fare tramite cfdisk. Acqua.. il discorso è un pelo più complesso, dipende essenzialmente dal filesystem della partizione in questione.

Se la partizione è di tipo ext2 o ext3, il comando da usare è:

e2label /dev/sd[x][k] nuovaetichetta

Se la partizione è di tipo FAT16, FAT32, ecc

mlabel /dev/sd[x][k]:nuovaetichetta

Se la partizione è di tipo NTFS:

ntfslabel /dev/sd[x][k] nuovaetichetta

dove x è la lettera che contraddistingue il disco e k il numero della partizione. Se non sapete che numero abbia la partizione usate:

cfdisk /dev/sd[x] 

ntfslabel si installa con il pacchetto ntfsprogs (pacman -Sy ntfsprogs), mlabel fa parte invece di mtools.

Ci potrebbe essere bisogno di assicurarsi che la partizione di cui si cambia l’etichetta sia montata piuttosto che smontata, ma per questo vi rimando al manuale dei singoli comandi (man nomecomando).

Se la vostra Arch Linux è capricciosa e vi fa montare le partizioni solo come utente root, aggiungete il vostro utente al gruppo storage con questo comando:

sudo usermod -G storage -a nomeutente

Spero che questo bignamino sia utile a qualcuno, sicuramente farà risparmiare molto tempo a chi come me si ponga per la prima volta questo problema, e da quello che ho potuto vedere è forse il primo riassunto completo in rete. Per cui quando inserite la vostra chiavettina e ve la trovate bella e pronta in /media .. senza esservi sbattuti a cercare sui forum dove qualcuno non trova di meglio da fare che editare i file in xml di hal… pensatemi!

Upgrade della ram ed altri sfizi

Sono stato ad una fiera dell’elettronica ed ho approfittato di alcuni prezzi vantaggiosi per fare una piccola campagna acquisti:

  • pennetta usb da 4 Gb
  •  SD card 133x sempre da 4 GB
  • 1 GB di memoria ram, DDR2 a 667MHz
  • Hub usb 2.0 autoalimentato o da rete elettrica a 7 porte

Da quando sono passato al gigabyte di ram non ho notato significative differenze velocistiche, ma in compenso non è più capitato che un programma si chiudesse per mancanza di memoria quando esagero con l’aprire applicazioni. E’ un upgrade che consiglio.

La pennetta da 4 giga l’ho usata per installarci SLAX 5 ( slax è una buona distribuzione live, ma dopo averla provata su eee pc credo che mi guarderò attorno.. ). La SD card invece penso diventerà parte integrante del mio Eee pc e sto pensando a quale possa esserne il migliore uso. Per ora l’ho semplicemente montata in /sdcard in attesa di film e musica da portarmi in giro.

L’hub era indispensabile, delle 7 porte disponibili ne rimangono permanentemente libere appena due.. anche questo lo consiglio a tutti!

Se qualcuno avesse suggerimenti in merito all’uso della SD card.. sono ben accetti 🙂

Bluetooth su Eee pc

 Non è un argomento di cui era previsto mi occupassi, ma visto che google sembra puntare qui per chi cerca soluzioni a questo tipo di problema, me ne occupo volentieri.

Dovreste sapere che Eee pc non ha un adattatore bluetooth di suo. Il sistema più semplice ed economico è comprarne uno esterno usb, quello che viene comunemente chiamato “bluetooth usb dongle”. Fatto questo, buttate pure il cd dei driver  per windows nella monnezza (differenziatelo però) e procedete sicuri e spediti.

Naturalmente io scrivo qualcosa che è valido per la mia amata Arch Linux, ma cercherò di specificare i punti in cui le cose potrebbero differire per debian e derivate (xandros, *ubuntu) .

Io sto usando Xfce4, penso sia più idoneo di GNOME o KDE per Eee, e poichè Xfce4 è compatibile con le librerie Gtk, di fatto è come se stessi usando GNOME riguardo il bluetooth.

Installazione dei pacchetti necessari :

pacman -Sy gnome-bluetooth bluez-libs bluez-utils bluez-gnome

(per kde c’è un pacchetto kdebluetooth, ma non ne voglio sapere nulla) 😉

A questo punto, collegando l’adattatore bluetooth e avviando il servizio bluetooth di Arch Linux, si è quasi pronti:

sudo modprobe bluetooth 

sudo /etc/rc.d/bluetooth start

Adesso lanciare da terminale

bluetooth-applet &

Si apre nella system tray l’icona col simbolo del bluetooth, cliccandola con il tasto destro è possibile impostare il pc in modo che sia visibile dal telefonino. In particolare, impostate come da immagine allegata.

impostazioni bluetooth-applet

Adesso potete anche chiudere il terminale, nel menu Sistema di Xfce (credo anche di GNOME) aprite “Condivisione file bluetooth” e si aprirà sempre nella system tray l’icona di un triangolo blu con dei cerchi attorno.

Ora provate pure a mandare un file dal telefonino al pc, dovrebbe lampeggiare l’icona della bluetooth-applet per chiedervi di inserire il codice di appaiamento, che inserirete anche sul cellulare, e poi vi sarà chiesto se accettare il trasferimento file e cosa fare con il file ricevuto.

Se qualcosa non funziona, provate a scollegare e ricollegare l’adattatore, far ripartire il servizio, e naturalmente controllate di aver impostato correttamente la bluetooth-applet. Se state usando un hub usb per collegare l’adattatore è probabile che questo venga mal alimentato, provate a collegarlo direttamente alle porte usb di Eee pc. Come sempre, è utile guardare l’output del comando

dmesg | tail 

 Questo è l’uso che io faccio dell’adattatore bluetooth generalmente, più avanti dovrei adoperarmi e scrivere qualcosa riguardo l’uso di bluetooth per navigare con il cellulare.

Per inviare file al cellulare io in genere uso nautilus, il file manager di GNOME. Basta installare “nautilus-sendto” e potrete mandare file al telefonino con il metodo più semplice del mondo.. tasto destro, invia a, cellulare 🙂

Per domande sono sempre disponibile, anche senza scrivere in duemila su punto informatico (salvo poi litigare di chi deve aver quale nick e chi deve cambiarlo…)

Overclocking dell’Eee pc

Risolto il mistero della frequenza del processore. Viene riportato 900MHz su linux, ma è falso. In realtà il processore gira normalmente a 630MHz. E’ una bella differenza!

Su eeeuser.com ci sono molti thread a riguardo, qui riporto la soluzione che io ho adottato e che al momento funziona stabilmente.

Su arch basta installare eeepc-linux (si trova su AUR) e caricare il modulo “eee” all’avvio.

A questo punto si può cambiare la frequenza del front side bus (fsb) ed avere effettivamente i 900MHz.

Non scrivo ulteriori dettagli perchè il software è ancora in corso si di sviluppo, ci sono dipendenze non soddisfatte a livello di kernel per quanto riguarda il kernel26eee e sono in preparazione anche degli script per automatizzare (e rendere più sicura) l’operazione di overclocking.

Questo perchè non si passa tramite il pericoloso aggiornamento con versioni del bios non ufficiali e da cui non si può più tornare indietro, ma si agisce via software a sistema operativo avviato.

Con la versione corrente di eeepc-linux è possibile anche controllare manualmente (non giocateci!) la velocità della ventola.

Non ho fatto benchmark con programmi specifici come invece qualcuno si è divertito a fare, nè mi sono messo con amperometri a misurare i consumi (per carità mi basta la mia tesi sui sensori) ma su eeeuser.com si trova anche questo!

Quello che più mi importa sottolineare è che tutto sembra stabile, non ho avuto problemi sullo schermo esterno come riportato da qualcuno e soprattutto si vedono molto meglio i video a tutto schermo con questa frequenza! La ventola non gira più veloce e la temperatura si mantiene 1-2 gradi più alta di prima.

Sulla temperatura devo documentarmi.. lm-sensors non mi trova sensori ma evidentemente non controlla i dati di acpid… vabbè!